Progettare un sito web

Valutazioni e considerazioni

Come si articola il lavoro di progettazione e realizzazione di un sito web e quali sono gli aspetti principali da valutare? Se avete bisogno di un sito ma non sapete come orientarvi, se vi preoccupano i costi d'agenzia, se non sapete di chi fidarvi o a chi affidarvi, se vi sentite a disagio in questo campo, allora questa lettura potrebbe tornarvi utile.

Intro

La realizzazione di un sito internet e' un po come progettare una casa. Si parte dalla struttura per poi passare agli impianti, le rifiniture, l'arredamento, ecc. Non e' un'operazione semplice a meno che non si voglia costruire una baracca. In un sito web non ci si limita alla sola elaborazione di pagine che descrivano i prodotti o le prestazioni offerte. Si tratta di un progetto che viene sviluppato in elementi diversi che contribuiscono, nel loro insieme, alla presentazione della propria attivita'.
Lo sviluppo di un sito deve tenere in considerazione lo stile, la grafica, la qualita' dei contenuti, i prodotti e i servizi offerti, il pubblico a cui si rivolge, la posizione nei motori di ricerca, la facilita' di navigazione, l'adattamento ai diversi dispositivi di navigazione (computer, tablet e telefono), la pesantezza delle pagine, il codice, gli aggiornamenti, gli aspetti legali e formali, le forme di pagamento e la consegna di prodotti o servizi. Progettare un sito internet e' quindi un lavoro a 360 gradi che coinvolge aspetti anche molto diversi tra loro. Vediamo quali sono.

Contenuti

Prima di tutto serve un messaggio da diffondere. Siete un professionista e volete farvi conoscere, siete un blogger e vi piace scrivere, siete un negozio e vi serve la vostra vetrina, siete una Onlus e avete bisogno di raccogliere fondi. Sono tutti buoni motivi per avere un sito ma avete bisogno di testi che possano descrivere in modo chiaro e originale la vostra attivita'. "Content is king" cioe' il contenuto la fa da padrone. Questo e' forse l'aspetto piu' importante e spesso trascurato. Servono contenuti di qualita', originali, comprensibili e diretti. Attraverso il sito parlate ai vostri utenti, siate genuini, privi di schemi prefabbricati e preconcetti. Vedremo in seguito come i contenuti siano un aspetto fondamentale anche per il posizionamento nei motori di ricerca (SEO)

Nome a Dominio

Ogni sito web ha un indirizzo o dominio, cioe' quello che compare dopo www. Il nome a dominio trasmette anch'esso un messaggio, pertanto la sua scelta merita una certa attenzione. Purtroppo la stragrande maggioranza di nomi sono gia' presi da altri per cui dovrete ingegnarvi a trovare un nome disponibile che abbia una qualche connessione, anche simbolica, con la vostra attivita' e che possa identificarvi in modo inequivocabile. Un nome a dominio dovrebbe essere possibilmente breve e facile da ricordare.

Anche l'occhio vuole la sua parte

l'aspetto grafico, immagini e logo, sono molto importanti. Le immagini valgono anche piu' delle parole in termini di comunicazione e per questo devono essere espressive e originali. Molte agenzie di grafica si fanno pagare moltissimo per immagini d'impatto e ancor piu' per l'elaborazione di un logo. Il motivo e' che un logo deve fornire un'identita' in modo semplice ma espressivo. Le immagini possono rappresentare l'azienda e i suoi prodotti ma possono essere anche usate per richiamare un'emozione o un'associazione di idee. Se aveta gia' delle immagini a disposizione e' sicuramente un vantaggio per il vostro budget.

Layout

Il cuore del sito web e' il layout, ovvero un modello, una struttura d'impaginazione e presentazione del vostro sito. Ci sono un'infinita' di modelli da utilizzare per le diverse tipologie di attivita'. Io preferisco modelli puliti e minimalisti (vedi ad es. https://pixelarity.com/) perche' mettono in risalto i contenuti dandogli piu' valore. L'utilizzo di effetti speciali e fronzoli di vario tipo finiscono per distrarre l'utente dal vero messaggio che volete trasmettere e spesso contribuiscono a dare un effetto pasticciato. Uno schema semplice ha i migliori presupposti per avere successo, specialmente se i contenuti sono di qualita', se e' facile da navigare e se si rivolge all'utente in modo chiaro e diretto. Certamente lo stile e' suscettibile anche delle tendenze del momento per cui e' sempre utile tenere d'occhio quale sia lo stato dell'arte del design. Questo portale premia, ogni anno, i migliori siti web al mondo: http://www.awwwards.com/.

CMS o non CMS? Ma che vuol dire?

Per CMS si intende "Content Management System" che significa che il sito e i suoi contenuti vengono creati e aggiornati attraverso un'interfaccia grafica che permette a chi non ha particolari conoscenze teniche di inserire contenuti e modificare il layout. I piu' noti sono Wordpress e Joomla ma recentemente Winx si e' aggiudicato il titolo di migliore interfaccia in termini di facilita' d'utilizzo. Potete iscrivervi a questi portali e cominciare da subito a costruire il vostro sito. I softwares che gestiscono alcune di queste piattaforme possono anche girare direttamente nel vostro server hosting.
Il vantaggio di questi sistemi risiede nella possibilita' di poter costruire un sito in totale autonomia. Molte Onlus o attivita' che non possono affrontare le spese di un'agenzia di web design e che invece hanno abbondanza di forza lavoro (i volontari) optano per il CMS. Occorre tuttavia considerare che sviluppare un sito in questo modo comporta le classiche problematiche del fai da te. Ci sono una miriade di aspetti che richiedono una certa conoscenza ed esperienza. Anche usando dei sistemi CMS, finirete per rivolgervi a qualcuno e alla fine dei conti non avrete risparmiato nulla. Inoltre, per poter sviluppare appieno le potenzialita' dei CMS, cio che era gratuito, o quasi, diventa piuttosto costoso. Questo e' dovuto al fatto che molte applicazioni, indispensabili per dare un minimo di qualita' e funzionalita' al sito, hanno costi di abbonamento che sommandosi tra loro possono acquisire un volume notevole. Un sito fatto in HTML permette una maggiore liberta' dai vincoli di sistema, rende possibile un maggior controllo del SEO (vedi piu avanti), e' piu sicuro, ha un codice piu' pulito, permette di minimizzare le spese di mantenimento e sfugge agli stereotipi a tutto vantaggio dell'originalita'. Cio non toglie che il CMS sia una valida alternativa e la sua scelta va ponderata sopratutto in base a considerazioni di natura pratica. Alla fine dei conti, il vero costo del sito lo fanno le ore spese a lavorarci sopra, indipendentemente dal fatto che siate voi o meno, o che sia sia fatto in un modo o un'altro.
A volte, puo' convenire una soluzione mista. Si puo' realizzare la struttura del sito in HTML e invece usare i sistemi CMS per il blog che, volendo, puo essere incorporato nel sito. In questo modo sarete liberi dai tecnicismi e potrete dedicare tempo prezioso a scrivere gli articoli del blog (che per il SEO sono oro), occuparvi dei social media e di tutti quegli aspetti che potete seguire direttamente per contribuire positivamente alla vostra visibilita'.

Il SEO (Search Engine Optimization)

Nei paragrafi precedenti ho fatto un accenno al SEO. Cos'e' il SEO? La risposta breve e' che si tratta di un insieme di attivita' e codifiche che permettono ai motori di ricerca di "valutare" il vostro sito e stabilire che posizione dargli nelle ricerche fatte dai diversi tipi di utenti. Si tratta di un processo in continua evoluzione per dare risposte sempre piu' accurate e coerenti alle ricerche (incluse abitudini e localizzazione) dell'utente.
Quando si cerca qualcosa su internet compaiono una quantita' enorme di risultati ma l'utente difficilmente andra' oltre la prima pagina. Se non trova cio' che vuole, con tutta probabilita', ripetera' la ricerca con dei termini diversi o piu' specifici. I motori di ricerca mettono nelle prime posizioni quei i risultati che reputano essere piu' adeguati alla specifica richiesta. La valutazione della "conformita'" del risultato si basa su una moltitudine di elementi di valutazione, alcuni anche indipendenti dall'accuratezza del lavoro di posizionamento fatto dall'esperto di SEO. Questa valutazione non viene quasi mai effettuata da esseri umani (anche se Google sta investendo molto su questa modalita') quanto piuttosto da programmi che analizzano le pagine del sito internet e tutto cio che vi e' collegato.
Oltre alle frasi e parole dei contenuti, questi softwares (chiamati anche "crawlers", "spiders" o "robots") raccolgono una serie d'informazioni relative alla qualita' del codice, alla velocita' di risposta del server, alla velocita' di caricamento delle pagine, alla localizzazione geografica, alla presenza di parole nel testo evidenziate in vari modi, alla quantita' di files che dipendono dalla pagina, analizzano i "tags" (che sono delle descrizioni specifiche delle pagine e delle immagini) e i links (sia in entrata che in uscita) valutandone la coerenza e qualita'. Queste analisi non si limitano al sito ma anche alle condivisioni nei social media, a quanti siti parlano di voi, quanti utenti navigano sul vostro sito e quanto tempo ci passano, se vi sono contenuti di dubbio gusto o criminali, se il sito si adatta ai telefoni o tablets, se vi sono giudizi o commenti riguardanti il vostro sito, ecc. Viene valutata anche la struttura interna di files e directories, se esiste una mappa del sito, se sono presenti degli speciali codici per farvi riconoscere e indicizzare dai vari motori di ricerca, se siete affiliati a siti di valutazione della qualita' e sicurezza, se esiste un luogo fisico della vostra attivita', insomma potrei continuare ancora a lungo ma credo di aver reso l'idea.

Sbatti il mostro in prima pagina

E' dunque chiaro che quando si parla di ottimizzazione SEO, ci sono una quantita' di elementi di cui tenere conto e una serie di azioni da fare per rendere il vostro sito coerente e pertinente alla specifica ricerca. Anche quando sono presenti tutti i requisiti non sempre si finisce ai primi posti perche', come ho detto prima, vi sono anche altri elementi come la localizzazione o le abitudini di chi fa la ricerca o piu' semplicemente perche' ci sono una miriade di siti simili al vostro che sono in internet da piu' tempo o un mostro come Amazon che prevale su qualsiasi e-commerce.
Certamente un sito sviluppato in modo adeguato e coerente ha una maggiore probabilita' di finire nelle prime pagine delle ricerche. Occorre anche capire cosa si intende con tale affermazione. Cosa vuol dire stare in prima pagina? Ovviamente dipende dal tipo di ricerca che si fa. Se vendo fiori difficilmente compariro' nelle vendite di automobili. Inoltre dipende anche dalla specificita' della ricerca. Se mi chiamo "impresa di pulizie Francesco Cataldi di Genova" e faccio una ricerca con quella dicitura risultero' sicuramente in prima pagina (a meno che non vi siano una moltitudine di omonimi). L'importante pero' e' finire tra i primi posti quando cerchero' "impresa di pulizie Genova" cosa decisamente piu' utile ma anche piu' difficile.

Content is king

Oltre agli accorgimenti tecnici, per aumentare le probabilita' di una buona posizione, servono anche dedizione, pazienza e, come mi ostino a ripetere, contenuti adeguati, originali e coerenti (content is king). Google fa grandi sforzi per rendere le ricerche sempre migliori e premia la genuinita'.
Ma cosa si intende per qualita' e originalita'? Per qualita' si intende l'attendibilita' e la coerenza dei contenuti con il vostro prodotto o servizio anche con l'uso di opportune parole chiave contenute nel testo. Per originalita' si intende la presenza di contenuti unici che mettano in mostra la vostra attivita' in modo chiaro e trasparente. Non copiate MAI contenuti di altri siti, i motori di ricerca sono molto severi sulle copie. Ci mettono pochissimo a individuare un testo duplicato e considerano l'autore originale chi ha pubblicato quel testo per primo. Se copiate, sarete penalizzati e sbattuti in fondo alla lista dei risultati esattamente come un professore punirebbe l'alunno che copia il compito.

Validazione W3C

Un sito acquista notrieta' con il tempo e con pazienza. Si tratta di una struttura dinamica che muta nel tempo e che ha bisogno di continua attenzione. Questo significa inserire contenuti freschi (es. con il blog), oppure nuovi prodotti o servizi ma significa anche verificare l'adeguatezza del codice che evolve in continuazione. Spesso siti anche ben fatti contengono troppi errori. Volete un esempio? Se andate su Joomla ci saranno una serie di siti realizzati con la sua piattaforma. Nei primi siti riportati dallo stesso Joomla come esempi di successo (che dovrebbero essere perfetti) ho trovato fino a 62 errori nel codice. Questi errori possono anche non dare problemi di funzionamento al sito ma possono influenzare negativamente il SEO. Vuol dire che un vostro competitore, esente da errori, potrebbe precedervi come posizione di pagina su Google. Gli errori si possono eliminare solo avendo pieno controllo del codice che deve essere poi validato da W3C (World Wide Web Consortium).

I costi

Quanto costa realizzare un sito? Questa e' una domanda difficilissima. La risposta piu' semplice e' che costa il tempo che ci vuole a farlo. Da un punto di vista prettamente tecnico un sito di e-commerce sara' piu' complicato di quello di un professionista (N.B. Se non volete buttare via i soldi non imbarcatevi MAI in un progetto di e-commerce a meno che non sia la vetrina del vostro negozio fisico).
Se offrite dei servizi o merci che non sono particolarmente diffusi riuscirete a raggiungere i primi posti nei motori di ricerca senza troppo sforzo. Se viceversa il vostro servizio e' ampiamente diffuso sul territorio (es. un Avvocato a Milano) sara' un'impresa ardua (se non a livello di quartiere) raggiungere la vetta della classifica... a meno di pagare AdWords (ma questo e' un discorso a se').
In base alle circostanze e il tipo di servizio offerto il costo di realizzazione di un sito internet puo variare enormemente. Fare un preventivo e' sostanzialmente impossibile senza conoscere il tipo di attivita', il luogo e le risorse disponibili. Un sito puo costare da poche centinaia di euro fino a diverse migliaia. Capisco che questa variabilita' possa disorientare ma e' un'inevitabile conseguenza della complessita' del web. Tuttavia, non temete, si possono realizzare siti web decisamente dignitosi restando nella parte bassa della scala dei costi ;)

Quindi?

Se state per imbarcarvi in un progetto e volete approfondire l'argomento o anche solo per un consiglio scrivetemi. Per farlo usate il "modulo di contatto". Basta una breve descrizione della vostra attivita' e cerchero' di rispondere nel modo piu' chiaro ed esauriente possibile.